La storia delle Olimpiadi

home_button

Innsbruck 1964
Giochi della IX Olimpiade invernale

Nel 1964 i Giochi Invernali approdarono finalmente a Innsbruck e furono un successo organizzativo, anche se non fu possibile costruire un villaggio olimpico delle dimensioni auspicate dal CIO. In totale presero parte alla manifestazione 1091 atleti (199 donne).

La fiamma olimpica, portata dai tedofori da Olimpia (cosa mai accaduta fino ad allora), fu accolta da 23 mila spettatori. Per la prima volta le Olimpiadi sulla neve divennero un autentico fenomeno televisivo.

Innsbruck 1964
Giochi della IX Olimpiade invernale

Francia e Austria dominano lo sci

Lo sci alpino visse del duello tra Francia (3 medaglie d'oro, 3 d'argento) e Austria (3 medaglie d'oro, 2 d'argento, 2 di bronzo). Le punte della rappresentativa francese furono le sorelle Goitschel: Marielle vinse nello slalom gigante davanti a Christine, le posizioni si invertirono nello speciale. Due successi austriaci nella discesa libera: Egor Zimmermann tra gli uomini, Christle Haas tra le donne.

Le prove di fondo fecero emergere due grandi personaggi: il finnico Eero Maentyränta vincitore nei 15 e nei 30 km, e la sovietica Klavdija Bojarskich, prima nei 5 e nei 10 km. Nel salto dal trampolino di 70 m si impose il finlandese Kankonnen, mentre in quello dal trampolino da 90 m (specialità nuova) la medaglia d'oro andò al norvegese Engan. Vittoria norvegese anche nella combinata nordica, con Knutsen. Nello slittino singolo femminile, altra gara appena inserita nel programma, il primo titolo andò alla tedesca orientale Enderlein. Dopo la parentesi di Squaw Valley, i sovietici tornarono al successo nel torneo di hockey, e si sarebbero ripetuti anche nelle tre seguenti edizioni.

Medagliere

Nella classifica generale per medaglie fu prima l'Unione Sovietica con 11 ori (25 medaglie in totale), seguita da Austria e Norvegia. L'Italia fu soltanto dodicesima.

Innsbruck 1964
Giochi della IX Olimpiade invernale

L'Italia si aggrappa al bob

Le fortune dell'Italia furono affidate quasi esclusivamente al bob a due: argento per Italia II (Zardini-Bonagura), bronzo per Italia I (Monti-Siorpaes). L'oro fu conquistato da Gran Bretagna I (Nash-Dixon); immediatamente prima della partenza gli inglesi si erano accorti che il loro bob era fuori uso, e avrebbero dovuto ritirarsi se l'azzurro Eugenio Monti non avesse fornito loro il pezzo necessario per ripararlo. Una seconda medaglia di bronzo venne all'Italia dalle prove di slittino.

Innsbruck 1964
Giochi della IX Olimpiade invernale

innsbruck 1964 Per avere una panoramica completa delle immagini della IX olimpiade invernale vai alla pagina ufficiale del CIO.
La canadese Petra Burka medaglia di bronzo in pattinaggio su ghiaccio.

Innsbruck 1964
Giochi della IX Olimpiade invernale

I Giochi di Innsbruck furono minacciati dalla mancanza di neve. L'esercito austriaco si precipitò in soccorso, prodigandosi per ritagliare 20.000 blocchi di ghiaccio dal fianco della montagna e occupandosi del loro trasporto verso il basso per lo slittino e le piste di bob. Inoltre si incaricò di trasportare 40.000 metri cubi di neve per le piste da sci alpino.

A Innsbruck fecero il loro debutto ai Giochi olimpici invernali Mongolia, India e Corea del Nord. Quest'ultima vinse pure una medaglia, l'argento nel pattinaggio femminile di velocità.

Innsbruck 1964
Giochi della IX Olimpiade invernale